PROVA LOGHI DSS-4x4-04

L’azienda sperimentale-dimostrativa Res Uvae si trova nel cuore della Val d’Arda, non lontano dal borgo medioevale di Castell’Arquato.

I vigneti si estendono su una superficie di circa 16 ettari e sono allevati con le principali varietà locali: Barbera, Bonarda, Malvasia e Ortrugo, a cui si aggiungono vitigni internazionali come Cabernet Sauvignon e Merlot.

Res Uvae si propone come centro di viticoltural extention: la sua mission è, infatti, il trasferimento delle nuove conoscenze e dell’innovazione tecnologica proveniente dalla ricerca scientifica attraverso il coinvolgimento di agricoltori e tecnici secondo un approccio partecipativo ed esperienziale.

Nel dettaglio a Res Uvae:

  • si conducono studi e sperimentazioni in collaborazione con le università e i fornitori di mezzi tecnici, anche mediante l’allestimento di siti pilota
  • si organizzano eventi, attività divulgative e dimostrative per illustrare modalità e vantaggi derivanti dall’uso di mezzi, metodi e tecniche per la viticoltura sostenibile
  • si organizzano attività pratico-applicative per viticoltori, tecnici esperti e consulenti sulle pratiche, i metodi e le tecnologie per la viticoltura sostenibile
  • si ospitano attività didattiche integrative, tesi di laurea, tirocinio e stage nell’ambito dei percorsi di studi dell’Università Cattolica
  • si organizzano, nella sala polifunzionale, meeting aziendali e altri eventi accompagnati da degustazioni di prodotti locali

SPERIMENTAZIONI

A Res Uvae esistono tutte le facilities per condurre prove sperimentali e dimostrative secondo i più rigorosi approcci scientifici.

E’ inoltre possibile procedere alla microvinificazione delle uve provenienti dalle varie sperimentazioni.


Anche in virtù della collaborazione con l’Università Cattolica, è possibile eseguire, oltre ai classici rilievi di sanità e produzione quanti-qualitativa, rilievi molto accurati su aspetti particolari quali, ad esempio, il Physical mode of action dei prodotti fitosanitari, il livello di resistenza ai fungicidi degli organismi dannosi, gli aspetti residuali dei prodotti fitosanitari, il calcolo d’indicatori d’impatto ambientale e economico (yousustain.net)
Grazie al collegamento con CERZOO è anche possibile condurre prove come centro di saggio. Le attività prendono in considerazione tutti gli aspetti della tecnica viticola, dalla difesa alla nutrizione idrica e minerale, alla gestione del suolo, alla meccanizzazione, fino alle più innovative tecniche di viticoltura di precisione. I risultati ottenuti servono, fra l’altro, a migliorare il funzionamento della piattaforma web vite.net. Ciò aumenta la visibilità e la ricaduta pratica dei risultati ottenuti.

SITI PILOTA

A Res Uvae sono stati predisposti alcuni siti pilota che consentono di testare alcune innovazioni tecnologiche su ampia scala e sul medio periodo.


GRAPE HI-TECH

Lo scopo del progetto “Grape Hi-Tech: the plant on the screen” è quello di dimostrare come sia possibile monitorare il vigneto da remoto e real-time, migliorandone così la gestione.

Il progetto prevede di:

  • installare una piattaforma sensoristica completa per i comparti aria – suolo – pianta;
  • integrare i dati rilevati dalla piattaforma sensoristica con lo scouting-pad di Hort@;
  • integrare tutti i dati raccolti nel DSS vite.net e utilizzarli come input dei modelli matematici per il decision-making;
  • usare la piattaforma Grape HI-Tech come caso-studio per gli studenti del Master internazionale “Viticulture & Enology: innovation meets tradition”.

FERTIRRIGAZIONE


L’impianto di fertirrigazione è stato realizzato nell’ambito di una sperimentazione tra Hort@, Università Cattolica del Sacro Cuore, Haifa e Terrepadane che ha come scopo quello di definire dei piani di nutrizione minerale calibrati in funzione di quello che è l’obiettivo enologico delle uve in produzione, in questo caso Croatina e Barbera atte a divenire Gutturnio frizzante.


La fertirrigazione si basa sull’apporto degli elementi nutritivi con la giusta dose e con il loro mirato bilanciamento specifico per fase fenologica.

In mancanza di precipitazioni o quando si vuole sostenere maggiormente la vegetazione si apportano con i concimi anche dei quantitativi di acqua tali da mantenere il giusto grado di umidità nel terreno; all’opposto, con il terreno già adeguatamente bagnato si apporta una quantità minima di acqua solamente per veicolare i concimi idrosolubili (2-3 mm) così da non alterare lo stato idrico del terreno (microirrigazione tecnica) ma apportare gli elementi nutritivi necessari. I concimi idrosolubili per fertirrigazione, rispetto i tradizionali concimi granulari, sono più efficienti anche per la loro purezza e totale assimilabilità, quindi si possono ridurre i dosaggi in un contesto di viticoltura sostenibile.

Questo progetto è nato con l’intento comune di ridurre il rilascio d’inquinanti nel suolo e nelle acque, modulare gli apporti in rapporto alle condizioni meteorologiche e consentire quindi un adattamento ai cambiamenti climatici. Inoltre, un equilibrato sviluppo della parete vegetale guidato in modo dinamico durante la stagione in base al criterio “quanto serve, quando serve” permette anche una miglior gestione dei trattamenti antiparassitari e un miglior e più efficace controllo delle avversità.

USO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI

Nel perseguire obiettivi di innovazione, sostenibilità e rispetto dell’ambiente circostante, presso Res Uvae è stata predisposta una piazzola dimostrativa con differenti impianti Biobed che permettono il risciacquo degli strumenti utilizzati in campo durante i trattamenti, impedendo ai liquidi reflui di disperdersi nell’ambiente.


Clicca sui diversi BIOBED per accedere alle schede informative

BIOMASSED

Principio

L'impianto tratta le acque di lavaggio delle attrezzature per la distribuzione degli agrofarmaci e sfrutta il principio di depurazione dei letti di decontaminazione biologica (Biomassbed).

Vantaggi

Costi limitati; può essere costruito agevolmente su tutto il territorio europeo; volume smaltibile maggiore.

Biomassbed è stato progettato da Aeiforia e Università Cattolica del Sacro Cuore. Gli impianti sono stati realizzati da Acqua&Co.

SCHEDA INFORMATIVA BIOMASSED

PHYTOSEC

Principio

Procedimento di evaporazione/disseccamento per "effetto serra", accelerato tramite ventilazione forzata e con trattamento dei composti volatili.

Vantaggi

Non necessita alcun pre-trattamento; assicura una ritenzione a doppia parete; facilita la rimozione del residuo secco alla fine del processo di disidratazione; facile da installare; massima efficacia depurativa anche per la parte "volatile" del refluo che viene trattata tramite adsorbimento su di un apposito filtro contenente carboni attivi.

PHYTOSEC è un prodotto Axe-Environnement.

SCHEDA INFORMATIVA PHYTOSEC

ECOBANG

Principio

Ventilazione forzata a temperatura ambiente, che accelera l'evapotraspirazione all'interno del serbatoio.

Vantaggi

Economico, semplice, adattabile e efficace.

ECOBANG è prodotto da Vento-Sol.

SCHEDA INFORMATIVA ECOBANG

PHYTOBAC

Principio

Il Phytobac è un sistema sicuro, chiuso e isolato dall'ambiente che, utilizzando i microrganismi naturalmente presenti nel suolo, permette la biodegradazione dei fitofarmaci/agrofarmaci in eccesso e/o presenti nelle acque reflue derivanti dai lavaggi della strumentazione agricola e da volumi di miscela fitoiatrica in eccesso non distribuita in campo.

Vantaggi

Minima manutenzione ordinaria; biobed modulabile, aziendale e sovraziendale, tecnologia brevettata; sistemi di monitoraggio e di sicurezza, sistema chiuso e isolato dall'ambiente; nessun controllo dell'acqua perchè smaltita tramite evaporazione; nessun smaltimento annuale di rifiuti speciali.

Phytobac è prodotto da Mybatec.

SCHEDA INFORMATIVA PHYTOBAC

OSMOFILM

Principio

Procedimento di evaporazione/disseccamento per "osmosi" attraverso una membrana semi-permeabile.

Vantaggi

La soluzione è molto pratica in quanto i residui alla fine del trattamento sono già pronti per il conferimento alle ditte specializzate all'interno di appositi sacchi; non vi è alcun consumo energetico; la soluzione è modulare e può adattarsi alle singole necessità aziendali.

OSMOFILM è prodotto da Axe-Environnement.

SCHEDA INFORMATIVA OSMOFILM

Agri-BioBed

Principio

Sistema filtrante esclusivamente biologico che sfrutta peculiari capacità di piante e microrganismi del suolo per la degradazione naturale dei principi attivi fitosanitari presenti nelle acque di risulta a fine trattamento.

Vantaggi

Semplice e veloce da realizzare, non richiede allacciamenti elettrici o idraulici, non presenta organi meccanici; manutenzione limitata nel tempo; nessun impatto paesaggistico; personalizzazione in base alle caratteristiche aziendali.

Agri-BioBed è un prodotto Bio Soil Expert.

SCHEDA INFORMATIVA AGRI-BIOBED

Heliosec

Principio

Disidratazione naturale delle acque di risulta dei trattamenti e lavaggio attrezzature per effetto combinato dell'irraggiamento solare e del vento.

Vantaggi

Gestione delle acque di risulta da tutti i tipi di trattamenti fitosanitari (inclusi rameici), possibilità di gestire volumi elevati di soluzione, semplice da utilizzare e manutenere, utilizza energie rinnovabili.

Heliosec è proposto da Syngenta Italia.

SCHEDA INFORMATIVA HELIOSEC

QUALITA' DELLE ACQUE DI DRENAGGIO

Nel sito pilota della fertirrigazione è stato installato, nell’ambito del progetto europeo LIFE denominato SOIL4WINE, un impianto di drenaggio sottosuperficiale che permette lo smaltimento in profondità dell'acqua in eccesso del terreno.

E’ stato installato un sistema di drenaggio tubolare, stendono tubi forati (i "dreni") del diametro di 90 mm, ad una profondità di 70 cm, al centro dell’interfila. I dreni sono in materiale plastico poroso e sono provvisti di un rivestimento filtrante per evitare che la terra fine occluda i pori, riducendo così l’efficacia drenante. La messa in posa è stata eseguita conferendo ai dreni un'inclinazione sufficiente a garantire il deflusso dell'acqua verso il condotto collettore, in testata del vigneto. La distanza fra i dreni è stata studiata sia in rapporto alla porosità del terreno sia in modo da garantire una presenza di dreni sufficiente a garantire un confronto statisticamente significativo fra diverse gestioni agronomiche del vigneto. A valle dei tubi drenanti sono stati installati sistemi di raccolta delle acque di sgrondo, per misurare sia la quantità di acqua drenata, sia la qualità delle acque. E’ così possibile studiare l’effetto della gestione del terreno (per esempio, inerbito o lavorato), del tipo di fertilizzazione (fertirrigazione, concimazione classica minerale o organica) oppure della gestione fitosanitaria del vigneto sull’entità dell’erosione, sulla perdita di sostanza organica ed elementi nutritivi, sulla presenza di residui di prodotti fitosanitari e altri inquinanti (ad esempio, nitriti) nelle acque di sgrondo. Si tratta di aspetti molto importanti per valutare le tecniche di gestione del vigneto non solo sotto l’aspetto produttivo e qualitativo delle uve prodotte ma, con un approccio più a 360 gradi, considerando anche la sostenibilità ambientale dei processi produttivi.

TRAPPOLA TRAP-V

La trappola TrapV® è stata progettata per il monitoraggio di diversi insetti in agricoltura tra cui la Lobesia botrana.

Sufficientemente leggera da poter essere appesa e posizionata laddove ci sia necessità di monitoraggio, è autosufficiente grazie alla sua batteria ricaricabile tramite pannello solare. E’ inoltre dotata di fotocamere multiple che scattano fotografie ad alta risoluzione della piastra collata e le inviano via GPRS alla piattaforma. I dati raccolti in tempo reale, sono accessibili tramite PC o dispositivi mobili e possono essere conservati per ulteriori future analisi.

I nostri partner a Res Uvae

Vieni a scoprire i nostri partner a Res Uvae tra macchine agricole, distributori di mezzi tecnici, infrastrutture tecnologiche e servizi

I VINI

I vini prodotti a Res Uvae sono caratterizzati da tre differenti territori: le terre rosse di Castell’Arquato, che danno origine a vini rossi dal grande corpo e con un ottimo potenziale d’invecchiamento, i terreni calcareo–arenacei della Val Chiavenna, da cui derivano vini bianchi ed eleganti caratterizzati da una grande armonia, ed i terreni argillosi di Travazzano che regalano vini morbidi e longevi con sensazioni olfattive molto complesse. Da questi vigneti si producono vini destinati a Res Uvae e all’azienda agricola La Ciocca.

Italiano