Percorsi verso sistemi agricoli a emissioni zero mirano a prevenire impatti negativi sulla biodiversità e sugli ecosistemi, garantendo una produzione sostenibile e rispettosa dell'ambiente.

L'esperienza pluriennale con prove sperimentali sul campo supporta aziende agroalimentari, organizzazioni e comunità, poiché testare pratiche innovative è cruciale per ottenere evidenze sulle azioni da intraprendere. La missione è promuovere pratiche che contribuiscano a un pianeta sano, mirate agli obiettivi di decarbonizzazione alimentare e al ripristino della biodiversità globale.

Supporto per le Aziende Agroalimentari nella Transizione verso l’Agricoltura Rigenerativa

Agronomi e ingegneri ambientali identificano le migliori pratiche per raggiungere obiettivi strategici a breve e lungo termine. Le indagini di due diligence e gli studi di fattibilità sostengono le aziende agroalimentari che promuovono la nuova agricoltura rigenerativa. Analisi dei costi e delle emissioni monitorano le azioni sostenibili intraprese nei campi, mentre analisi tecniche e operative di routine supportano agricoltori e catene alimentari in questa nuova sfida agricola.

Approccio Olistico e Formazione Continua

L’approccio olistico, supportato dai Sistemi di Supporto Decisionale (DSS), accompagna gli agricoltori durante l’intero processo di transizione. Le aziende agroalimentari non sono sole: programmi di formazione annuali sull’agricoltura rigenerativa sono costantemente pianificati fin dall’inizio.

Interessato a lavorare con noi sul carbon farming? Scopri di più sui nostri MRV, strumenti e programmi aperti!

Investire nell’Agricoltura Rigenerativa per la Neutralità Carbonica

Uno dei principali fattori per raggiungere la neutralità carbonica è l’investimento nell’agricoltura rigenerativa. Il cambiamento climatico non è più una minaccia distante; combattere la crisi climatica con pratiche che sequestrano più carbonio nel suolo e rendono i terreni agricoli più resilienti è una priorità.

Benefici dell’Agricoltura Rigenerativa

L’agricoltura rigenerativa migliora il sostentamento a lungo termine degli agricoltori attraverso innumerevoli aspetti, tra cui:

  • Migliore salute del suolo

  • Aumento del carbonio organico e inorganico nel suolo come materia organica

  • Preservazione e incremento della biodiversità

  • Riduzione del rischio di erosione

Riduzione delle Emissioni e Preservazione della Redditività

Tutto ciò è ottenuto riducendo le emissioni di gas serra e preservando la redditività delle aziende agricole.

Esperienza e flessibilità

L’esperienza e la flessibilità del nostro team ci permettono di essere coinvolti a tutti i livelli di un’attività agricola, dal campo alla forchetta del consumatore finale.

Protocolli di Horta 

Nei protocolli di Horta, la maggior parte delle misure sono implementate contemporaneamente dagli agricoltori per ripristinare la salute del suolo e degli ecosistemi, affrontare le disuguaglianze e lasciare la nostra terra, le acque e il clima in migliori condizioni per le generazioni future.

Supportare gli agricoltori

Horta supporta gli agricoltori nell’introduzione di una vasta gamma di pratiche agricole rigenerative, tra cui il sovescio, i sistemi di coltivazione ridotta, il miglioramento dell’efficienza nell’uso dei nutrienti e le rotazioni a lungo termine. Queste pratiche mirano a ottenere una maggiore resilienza dei sistemi di produzione delle colture.

Test sul Campo e Raccomandazioni

Le pratiche promosse sono state testate nell’ultimo decennio nelle prove sul campo, con l’obiettivo di affinare le tecniche e raccomandare azioni precise e consigli pratici per garantire una maggiore probabilità di successo.

Azione sinergica

L’azione sinergica dei Sistemi di Supporto Decisionale (DSS) e delle pratiche rigenerative sta aiutando a garantire molteplici co-benefici, tra cui l’aumento della fertilità del suolo e della biodiversità, la riduzione delle emissioni di gas serra sul campo e il miglioramento della qualità dell’acqua.

Centinaia di dati raccolti nei progetti più recenti dimostrano questo, senza dubbio!

Le colture di copertura, chiamate anche colture non remunerative o concimi verdi, sono seminate tra le colture stagionali remunerative. Esse forniscono potenziali benefici a una rotazione, migliorando la salute del suolo e contribuendo alla sostenibilità agricola.

Le cover crops offrono numerosi benefici agronomici, che possono essere classificati in 10 effetti principali:

L'esperienza di Horta nelle colture di copertura è enorme. Nell'ultimo decennio, le prove sul campo ci hanno permesso di costruire una solida base su dozzine di specie.

Strategie Innovative: Relay-Cropping e Intercropping

Le prove di relay-cropping/intercropping rappresentano una delle strategie più interessanti, dove una coltura viene seminata in un’altra coltura in piedi ben prima della raccolta della seconda. Queste prove hanno aiutato a comprendere meglio l’interazione tra le colture di copertura e quelle principali.

Monitoraggio dei Parametri Chiave

Azoto Disponibile per le Piante (PAN), sequestro di carbonio e azoto, biomassa fresca e secca sono solo alcuni dei parametri costantemente monitorati nei nostri test sperimentali. Le colture di copertura accumulano carbonio organico come materia organica nel suolo, che verrà gradualmente accumulato come humus stabile o rilasciato per le colture successive, a seconda delle condizioni pedoclimatiche. Quantificare questi tassi è cruciale.

Horta-MRV: Valutazione delle Condizioni Pedoclimatiche

Horta-MRV valuta come le condizioni pedoclimatiche influenzano la decomposizione delle due forme di carbonio organico. I dati principali delle colture di copertura di Horta sono integrati nel protocollo di carbon farming di Horta-MRV.

Supporto per le Colture di Copertura

Hai bisogno di assistenza per stabilire e gestire le colture di copertura? Cerchi aiuto per valutarne i benefici e identificare la cover crop più adatta alle tue esigenze?

I consumatori chiedono ai sistemi agricoli un maggiore impegno per contrastare il continuo declino della biodiversità in tutta Europa.

Sfide dell’Uso Intensivo del Suolo Agricolo

L’uso intensivo del suolo agricolo, in particolare i sistemi di monocoltura con massicci input di fertilizzanti e pesticidi, può incentivare la degradazione della biodiversità e del paesaggio, soprattutto nelle regioni con aree agro-ecologiche limitate tra i terreni agricoli.

Necessità di Calcolatori per l’Agricoltura Sostenibile

L’agricoltura sostenibile ha bisogno di calcolatori semplici per comprendere come le attività agricole influenzano la biodiversità e per evidenziare l’importanza delle misure agro-ecologiche applicate dagli agricoltori. Questi strumenti forniscono informazioni cruciali per guidare le azioni di conservazione.

Quantificazione della Biodiversità

La biodiversità può essere quantificata direttamente a molti livelli diversi, tra cui genetico, abbondanza di specie, ricchezza della comunità ed ecosistema. Gli scienziati utilizzano diverse tecniche di campionamento, sondaggi e metodi di conteggio. Tuttavia, valutare la biodiversità basandosi sul numero totale di specie distinte all’interno di una comunità locale è un approccio che richiede molto tempo e ha una scarsa scalabilità.

La valutazione indiretta della biodiversità è una soluzione efficace. Horta si concentra sulla valutazione indiretta della biodiversità e dei fattori di cambiamento degli ecosistemi. Strumenti basati sull'uso del suolo, sulla pressione chimica e sull'intensità agricola possono fornire un profilo indiretto della biodiversità e della degradazione del paesaggio.

Importanza dell'MRV per il Carbon Farming

Carbon farming e crediti di carbonio

Un credito di carbonio è una tonnellata di anidride carbonica certificata e commerciabile. In agricoltura, il sistema di coltivazione è responsabile dell’emissione di CO2 nell’aria. Le emissioni provengono dagli input utilizzati durante la coltivazione (ad esempio, carburante, fertilizzanti, consumi energetici) e dalla CO2 rilasciata dalla mineralizzazione del suolo dei composti organici (ad esempio, residui di colture, fertilizzanti organici).

Contemporaneamente, la cattura del carbonio nel suolo e le pratiche agricole appropriate, come l’agricoltura rigenerativa, sequestrano la CO2 dall’aria aumentando le riserve di carbonio stabile nel suolo (le rimozioni).

Origine dei Crediti di Carbonio

I crediti di carbonio originano dalle rimozioni e dalle riduzioni delle emissioni del sistema di coltivazione rispetto a una linea di base. Gli sforzi degli agricoltori o di altri operatori che svolgono il lavoro di rimozione della CO2 dall’aria possono essere premiati con crediti di carbonio, se soddisfano i seguenti requisiti:

  • Reali

  • Permanenti

  • Attribuibili

  • Aggiuntivi rispetto allo scenario comune (cioè convenzionale).

EMISSION REDUCTION

CARBON REMOVALS

Nei programmi di carbon farming, i piccoli agricoltori seguono il programma di Monitoraggio, Reporting e Verifica (MRV) di Horta in un periodo di cinque o dieci anni. L'MRV di Horta calcola le rimozioni con un modello basato su processi sviluppato internamente, che prevede le dinamiche del carbonio e dell'azoto nel suolo nei mesi successivi al loro ingresso, tenendo conto di vari fattori:

Automazione e Quantificazione del Carbonio

Tutte le procedure sono automatizzate e gli algoritmi quantificano il carbonio in base a vari fattori, tra cui tipo di suolo, temperatura, umidità e presenza di piante viventi. Questi e altri aspetti influenzano il tasso di degradazione del carbonio organico nel suolo.

Modello Validato per le Aree Mediterranee

Il modello, inizialmente validato e calibrato per le aree mediterranee, evidenzia i benefici generati da ogni pratica rigenerativa effettuata nei campi. I crediti di carbonio per il carbonio ridotto o rimosso possono essere contabilizzati, fornendo un incentivo tangibile per le pratiche sostenibili.

Supporto Continuo e Formazione

Le filiere agroalimentari non sono sole: programmi di formazione annuali sull’agricoltura rigenerativa sono costantemente pianificati, garantendo supporto e aggiornamenti continui per massimizzare i risultati.

Promozione di Progetti Sostenibili

I progetti in corso sono generalmente promossi da aziende agroalimentari o enti di certificazione. Il carbon insetting e il carbon offsetting sono due strategie che le aziende possono utilizzare per ridurre le loro emissioni di carbonio e raggiungere la neutralità carbonica.

Carbon Insetting e Pratiche Rigenerative

Nei progetti in cui la strategia sostenibile è il carbon insetting, le pratiche rigenerative sono generalmente promosse da un ente aggregante che incentiva gli agricoltori con piccole ricompense o contratti a lungo termine, garantendo una maggiore redditività.

Regolamentazione e Adattamento Locale

I politici stanno stabilendo regole per l’adozione dell’agricoltura rigenerativa. Tuttavia, il carbon farming non può essere standardizzato in una procedura unica poiché ogni azienda agricola è diversa. La progettazione specifica del contesto è cruciale: solo considerando le caratteristiche pedoclimatiche, il profilo di finanziamento dell’azienda e il contesto locale, i sistemi di coltivazione possono essere ripensati in una prospettiva di carbon farming.

Massimizzare la copertura del suolo con colture di copertura, cattura o concime verde:

  1. Mantenere i residui vegetali “in situ”

  2. Minimizare il disturbo del suolo con la minima lavorazione o la non lavorazione

  3. Diversificare la rotazione con cicli di 3/4 anni

  4. Integrare le leguminose nelle rotazioni (es. ceci, lenticchie, piselli, ecc.)

  5. Incentivare l’uso di ammendanti organici/biochar

  6. Integrare l’agroforestazione

Principali Pratiche Rigenerative Promosse da Horta con Colture Arboree:

  1. Massimizzare l’inerbimento tra le file con colture di copertura, cattura o concime verde

  2. Mantenere i residui vegetali “in situ

  3. Minimizzare il disturbo del suolo con la minima lavorazione o la non lavorazione

  4. Incentivare l’uso di ammendanti organici/biochar

Scopri Horta MRV e la quantificazione dei benefici delle azioni sul carbonio organico nel suolo nei paesaggi agricoli! Contattaci per ulteriori informazioni!

Monitoraggio e Quantificazione dei Benefici

L’impatto delle misure adottate per rigenerare il suolo degradato e ridurre le emissioni dei sistemi di coltivazione sarà monitorato attraverso diversi KPI calcolati dal nostro strumento yousustain.net.

KPI e Indici di Sostenibilità

Indici come l’impronta di carbonio e il cambiamento climatico (fossile, biogenico e uso e trasformazione del suolo) in ton CO2eq./tonnellata di raccolto supportano la quantificazione della riduzione del carbonio derivante da un uso ottimizzato degli input nel sistema di coltivazione rispetto allo scenario di base.

Supporto per gli Agricoltori

Chi fornirà raccomandazioni agli agricoltori in questa sfida crescente? I Sistemi di Supporto Decisionale (DSS)!

Uso dei DSS per Ridurre le Emissioni

L‘uso dei DSS è essenziale per ridurre le emissioni di gas serra e sostenere gli agricoltori nella transizione verso pratiche agricole più sostenibili.

Verifica se le filiere agroalimentari hanno crediti di carbonio disponibili per la vendita sulle piattaforme di trading VER.

Contattaci e scopri come acquistare o vendere crediti di carbonio derivanti dai programmi Horta.

Monitoraggio dei Co-Benefici nei Programmi di Carbon Farming

SERVIZI ECOSISTEMICI BIODIVERSITÀ

SERVIZI ECOSISTEMICI SALUTE DEL SUOLO

Impegno per la Conservazione della Biodiversità

I consumatori chiedono alle istituzioni un maggiore impegno per contrastare il continuo declino della biodiversità in tutta Europa. Horta è coinvolta in diversi progetti di ricerca sui servizi ecosistemici e sui sistemi di pagamento basati sui risultati per la conservazione della biodiversità nei terreni agricoli, il monitoraggio del rischio di erosione e il ripristino della salute del suolo.

Pratiche Rigenerative e Co-Benefici

Le pratiche rigenerative devono incentivare azioni che abbiano il potenziale di portare adattamento climatico, oltre a co-benefici ambientali e socio-economici, come la conservazione della biodiversità, la qualità dell’acqua e la riduzione dell’erosione del suolo.

Valutazione della Biodiversità e Rischi Ambientali

Horta ha implementato una valutazione indiretta della biodiversità basata sulle proprietà ecotossicologiche dei pesticidi applicati nel sistema di coltivazione. Lo strumento utilizza le proprietà dei principi attivi, l’ecotossicologia (terrestre e acquatica) e i parametri di tossicità per la salute umana. La valutazione del pericolo è integrata con le misure di mitigazione implementate per ridurre l’esposizione, offrendo una valutazione completa del rischio.

Supporto alle Funzioni del Suolo e ai Servizi Ecosistemici

Altri strumenti e metodologie mirano a supportare le funzioni del suolo e i servizi ecosistemici. Uno strumento di supporto decisionale guida i coltivatori di alberi nella gestione del suolo attraverso quattro semplici passaggi:

  1. Identificazione in situ di specifici problemi del suolo e ambientali.

  2. Identificazione delle migliori tecniche di gestione del suolo per mitigare i problemi rilevati.

  3. Implementazione delle tecniche nelle specifiche situazioni aziendali.

  4. Auto-valutazione dei risultati dopo l’implementazione delle soluzioni scelte.

I programmi MRV di carbon farming di Horta sfruttano questi e altri strumenti per monitorare e quantificare i co-benefici.